Questo portale non gestisce cookie di profilazione, ma utilizza cookie tecnici per autenticazioni, navigazione ed altre funzioni. Navigando, si accetta di ricevere cookie sul proprio dispositivo. Visualizza l'informativa estesa.
Hai negato l'utilizzo di cookie. Questa decisione può essere revocata.
Hai accettato l'utilizzo dei cookie sul tuo dispositivo. Questa decisione può essere revocata.
×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_zoocart, Componente non trovato

Cladocora caespitosa

E' una specie comune in tutto il Mediterraneo. Vive preferenzialmente tra i blocchi rocciosi vicino alla sabbia, su rocce e pietre con scarsa vegetazione. Frequente nei primi 15 m di profondità può tuttavia essere rinvenuta fino a 600 m. Nei luoghi esposti le colonie formano il cosiddetto frangente corallino, potendo arrivare a coprire diversi metri quadrati di substrati rocciosi pianeggianti all'ombra di rocce a strapiombo.

L'aspetto della colonia é generalmente a forma di cuscino, ma si conosce l'esistenza di almeno quattro forme (in funzione della luce, profondità e idrodinamismo) che variano dal cuscinetto compatto, al cespuglio o albero, con vari gradi di ramificazione. La colonia é costituita da numerosi polipi con teca caliciforme. La parete esterna è provvista di setti longitudinali e margini dentellati.

La formazione della colonia avviene per gemmazione alla base dei singoli polipi e i giovani polipi crescono fino a quando hanno raggiunto la stessa altezza del polipo originario sino a formare uno scheletro calcareo a rami cilindrici e paralleli, anche ramificati, con calici sempre rivolti verso l'alto. Pertanto il cuscino diventa sempre più grande e folto.

E' il più grande dei madreporari del Mediterraneo; i suoi tessuti contengono zooxantelle simbionti, particolarmente visibili nelle colonie bene illuminate che, infatti, sono di colore verde. Poco si conosce circa la riproduzione.

Torna a inizio pagina